Martedì 25 Aprile 2017
Percorso > Home > Webzine > Musica

Musica

Separatore grafico
Separatore grafico
I mercati storici fiorentini location della rassegna ''Mercati in Musica''
[ 02-09-2016 ]

Sono location che ci invidiano in tutto il mondo. Non stiamo parlando dei soliti monumenti artistici di piazza Duomo o di piazza Signoria, bensì dei mercati storici fiorentini, protagonisti dal 2 settembre al 15 ottobre 2016 dell'ottava edizione della rassegna "Mercati in Musica".

Ideata da Franca Sbraci e diretta da Cristina Burla dell'Associazione Arte & Mercati, con la direzione artistica del M°Luigi Cozzolino e sostenuta da Estate Fiorentina 2016, Mercati in Musica è una manifestazione a ingresso completamente gratuito che ogni anno si pone un obiettivo: animare i mercati storici di Firenze anche nelle ore notturne facendone un luogo d'incontro, di ricerca e di socializzazione.

Quello che cambia è, naturalmente, la programmazione che quest'anno prende il via venerdì 2 settembre alla Loggia del Porcellino con il concerto intitolato "Musica al tempo di Shakespeare e Cervantes”, a cura dell'ensemble Semperconsort formato da noti specialisti della musica antica. Un'esibizione che si svolge nell'anniversario dei 400 anni dalla morte di William Shakespeare e di Miguel de Cervantes e che nasce con l'idea di celebrare due fra i più grandi geni letterari dell'intera umanità.
Sia Cervantes che Shakespeare sono anche in qualche modo collegati all'Italia: il primo, per un certo periodo della sua vita, visse in Abruzzo, e in seguito a una ferita ricevuta durante la battaglia di Lepanto nel 1571, fu curato a Messina dove cominciò a scrivere il Don Chisciotte; il secondo ambientò in Italia numerosi fra i suoi più celebri drammi e commedie, come Romeo e Giulietta, Il mercante di Venezia, Otello, I due gentiluomini di Verona.
Il Semperconsort, noto ensemble di Musica Antica costituito per l'occasione da 11 specialisti internazionali del settore diretti da Luigi Cozzolino, presenta un'antologia di autori spagnoli, inglesi e italiani, per un periodo di tempo che va dalla metà del Cinquecento al primo ventennio del Seicento, offrendo in questo modo la possibilità di gustare le atmosfere musicali che avranno potuto ispirare Cervantes, Shakespeare e i loro contemporanei: è la musica che accompagna il passaggio dal Rinascimento al Barocco, sontuosa e raffinata, ma anche leggiadra e di facile ascolto per ogni tipo di pubblico.

Come ogni anno, musica anche nel mercato di San Lorenzo con le passeggiate musicali realizzate in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale di San Lorenzo a Firenze (con un itinerario che da Piazza Duomo si sviluppa attorno alla Basilica di San Lorenzo, l'inizio è previsto per le ore 20). Dal 7 settembre al 21 settembre passeggiate a tema con omaggi a New Orleans e alla magia della sua musica (7 settembre), alle contaminazioni musicali tra Africa e Europa (14 settembre), al jazz degli anni '20 e agli Spirituals (21 settembre).

Il programma di Mercati in Musica torna nella sua versione non itinerante il 10 settembre alla Loggia cinquecentesca di piazza dei Ciompi con un tributo alla musica italiana degli anni '60, il 17 settembre al Mercato di Sant'Ambrogio con un omaggio al Festival di Sanremo, per poi tornare il 24 settembre in piazza dei Ciompi con un concerto tutto dedicato alle canzoni e alla musica latino-americana.

Gran finale Sabato 15 ottobre alle 19:30 con il grande concerto gospel dell'One Voice Gospel Choir e dell'All For One Choir sul sagrato della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Un concerto per la Pace che vuole rilanciare il significato di questo genere musicale: in inglese il termine Gospel significa Vangelo, buona novella, "parola di Dio": i testi si ispirano alla Bibbia,  sono infatti inni corali degli afroamericani, a loro volta nati dagli antichi canti spontanei cantati durante le giornate di lavoro degli schiavi negli Stati Uniti d'America, spesso nei campi di cotone del sud. Ad una breve frase canora, eseguita da un solo cantore si alterna la risposta di tutto il coro; nel tempo il gospel si raffinò e si arricchì con l'aggiunta di basi ritmiche del blues e del rhythm and blues, e si diffuse in tutto il mondo occidentale.

In ogni appuntamento di settembre verrà promossa anche un'importante raccolta fondi. Il ricavato dalla vendita delle tessere dell'associazione “Arte & Mercati” verrà interamente devoluto alle popolazioni colpite dal recente sisma.

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)