Venerdì 21 Settembre 2018
Percorso > Home > Webzine > Musica

Musica

Separatore grafico
Separatore grafico
SalviAMO la musica! Massimo Bubola in concerto a San Salvi
[ 12-07-2018 ]

Un grande ritorno a Firenze in un luogo denso di storia! Massimo Bubola, uno dei più importanti autori italiani di sempre, approda nell'ex manicomio di San Salvi, giovedì 12 Luglio, alle ore 21.30, per un concerto che ripercorre i grandi classici del contautorato italiano. La performance musicale è inserita all'interno di "SalviAMO la musica!", la rassegna dell'Estate Fiorentina 2018 pensata e organizzata dall'Associazione Culturale La Chute e Chille de la Balanza.

Massimo Bubola, cantautore di culto e tra i più significativi d'Italia, è una figura centrale nella scena musicale del nostro paese. Negli oltre trent'anni della sua carriera, ha composto venti album e scritto più di 300 brani.
Già alla fine degli anni '70 Bubola trasfonde nelle sue canzoni la potenza del linguaggio del rock, senza rinunciare a una poetica che si abbevera, oltre che alla poesia contemporanea, alla tradizione della musica popolare e della canzone d'autore italiana. Miscelando questi elementi arriva a maturare una formula musicale ricca di suggestioni letterarie che è stata definita dalla critica "rock d'autore". Non è un caso che gli unici album di folk-rock di Fabrizio De Andrè: "Rimini" e "L'indiano",derivino dal decisivo contributo creativo di Massimo Bubola al cantautore genovese, con cui, infatti, firma musica e testi di tutti i brani dei due album sopracitati.

Ma il poeta e musicista veronese, continua a sviluppare un percorso personale che lo porterà alla creazione di un'epica musicale attraverso i suoi ritratti in canzone di personaggi storici come Garibaldi, Camicie Rosse e Uruguay, Tina per la grande fotografa Tina Modotti, Dino Campana dedicata allo sfortunato poeta di Marradi e altri personaggi come sullo scrittore russo Dostoevskij in Dostoevskij, Annie Hannahsu Anna Frank, Eurialo e Niso suoi due soldati dell'Eneide trasposti nella Resistenza, Fiume Sand Creek sull'epopea dei nativi americani, Una storia sbagliata sulla morte di Pier Paolo Paolini e Don Raffaè di nuovo con Fabrizio sul rapporto tra Stato e Camorra, Son Passator Cortese sul mitico brigante romagnolo dell'800. Questaepopea rock, figlia delle tradizioni italiane, costituisce la spina dorsale della New
Italian Epic di cui Massimo può definirsi a buon titolo il capostipite.

Ha scritto inoltre molte canzoni portate al successo anche da varie interpreti, fra cui ricordiamo "Il cielo d'Irlanda", resa popolare da Fiorella Mannoia. Nel 2009 pubblica "Rapsodia delle terre basse", il suo primo romanzo che è come una lunga ballata folk-rock, scritta da un rapsodo cinquantenne con l'amplificatore della sua classicità e della sua eretica gratitudine.

"In alto i cuori", l'ultimo lavoro di Massimo si caratterizza per l'intensità emotiva. Al di là della poeticità dei testi, della bellezza delle melodie delle sue ballate e delle sonorità fatte di prestigiose chitarre vintage, quello che colpisce è questa forte cifra interpretativa che fa di Bubola un artista unico nel nostro panorama. L'album, che si può definire come una serie di Instant Songs, si caratterizza per una forte tensione morale e civile, infatti il disco prende spunto da episodi realmente accaduti nel nostro paese in tempi recenti.

Ingresso a pagamento. È consigliata la prenotazione.

Per info e prenotazioni: tel. 055.6236195 - www.chille.it 

RC

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)